Disturbi del sonno: sintomi, cause e rimedi
Trattamenti

+38.000 annui

Struttura

1000 mq

Trattamenti

Top Physio ®

Disturbi del sonno

I problemi di sonno sono uno dei disturbi più comuni per gli adulti. Sono associati a un declino dello stato di salute generale, mentale e fisica, e alla percezione di una cattiva salute e possono avere conseguenze personali e sociali negative. 

Il termine insonnia è variamente definito e può descrivere un sintomo e/o un disturbo. Comporta insoddisfazione per la quantità o la qualità del sonno, durante la notte, ed è associato a uno o più dei seguenti: difficoltà con l’inizio del sonno, difficoltà a mantenere il sonno o risveglio mattutino con incapacità di tornare a dormire. Gli individui con problemi di sonno riportano anche livelli più elevati di ansia, dolore, disagio fisico e carenze cognitive. L’insonnia può essere associata a conseguenze sulla salute a lungo termine, tra cui aumento della morbilità, malattie respiratorie, malattie reumatiche, malattie cardiovascolari, condizioni cerebrovascolari e diabete.

I disturbi del sonno più comuni sono:

  • Insonnia: caratterizzata dalla difficoltà ad iniziare o mantenere il sonno. Può essere causata da stress, ansia, depressione, cattive abitudini di sonno o problemi di salute;
  • Apnea notturna del sonno: condizione in cui la respirazione si interrompe o diventa molto superficiale durante il sonno (rientra anche tra i disturbi respiratori). La forma più comune è l’apnea ostruttiva del sonno, in cui le vie respiratorie si bloccano temporaneamente;
  • Sindrome delle gambe senza riposo: si manifesta con un’irrefrenabile necessità di muovere le gambe, spesso accompagnata da sensazioni spiacevoli nelle gambe. Questi sintomi peggiorano durante il riposo e possono compromettere il sonno.
  • Narcolessia: caratterizzata da sonnolenza eccessiva durante il giorno, con episodi improvvisi di sonno irresistibile. Può causare perdita improvvisa di tono muscolare (cataplessia), allucinazioni ipnagogiche e paralisi del sonno.
  • Disturbi del ritmo circadiano: condizioni in cui il ritmo sonno-veglia è alterato, come nel disturbo del cambio rapido del fuso orario (jet lag) o nella sindrome della fase di sonno ritardata.
  • Parasonnie: comprendono comportamenti anormali durante il sonno, come il sonnambulismo, parlare nel sonno, mangiare nel sonno o incubi.
  • Disturbi del sonno legati alla respirazione: oltre all’apnea del sonno, possono includere roncopatia e ipoventilazione notturna.
  • Insonnia da ipersonnia primaria: caratterizzata da eccessiva sonnolenza diurna non spiegata da altri disturbi del sonno.
  • Disturbo da incubo: caratterizzato dalla presenza di sogni vividi e spesso spaventosi che disturbano il sonno.
  • Disturbi del sonno legati a condizioni mediche: alcune condizioni mediche, come il dolore cronico, il reflusso gastroesofageo, la fibromialgia o l’artrite, possono interferire con il sonno.

Cause di insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dalla difficoltà di iniziare o mantenere il sonno, che può portare a una qualità del sonno insufficiente. Le cause dell’insonnia possono essere varie e spesso sono influenzate da fattori fisici, psicologici e ambientali. Di seguito sono elencate alcune delle cause comuni dell’insonnia:

  • Stress e Ansia: possono rendere difficile rilassarsi sufficientemente per addormentarsi o possono causare risvegli notturni.
  • Depressione: può influire negativamente sui modelli di sonno. Alcune persone con depressione possono avere difficoltà ad addormentarsi, mentre altre possono svegliarsi presto al mattino.
  • Cattive abitudini di sonno (Higiene del Sonno Inadeguata): pratiche di sonno inconsistenti, come orari irregolari per andare a letto e svegliarsi, possono contribuire all’insonnia.
  • Consumo di caffeina o alcool: l’assunzione di caffeina, specialmente nel pomeriggio o sera, può interferire con il sonno. Anche l’abuso di alcol può disturbare il sonno.
  • Ambiente di sonno inadeguato: una camera da letto rumorosa, troppo calda, fredda o luminosa può ostacolare il sonno.
  • Disturbi medici: alcune condizioni mediche, come il reflusso gastroesofageo (GERD), il dolore cronico, l’artrite o il diabete, possono contribuire all’insonnia.
  • Disturbi Psichiatrici: alcuni disturbi psichiatrici, oltre alla depressione e all’ansia, possono influenzare il sonno, come il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) o il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).
  • Farmaci: come quelli utilizzati per il trattamento dell’asma, della pressione sanguigna o della malattia di Parkinson, possono influire negativamente sul sonno.
  • Disturbi del Sonno Specifici: condizioni come la sindrome delle gambe senza riposo (RLS) o l’apnea ostruttiva del sonno (OSA) possono causare insonnia.
  • Cambiamenti nella routine o nello stile di vita: eventi significativi come il cambiamento di fuso orario, i turni di lavoro notturni o altre modifiche nella routine possono disturbare il ritmo circadiano naturale.

Prevalenza dell’insonnia

A seconda di come viene definita l’insonnia, le stime di prevalenza vanno da quasi il 33 per cento in un campione internazionale di pazienti di cure primarie al 17 per cento degli adulti statunitensi che riferiscono di “avere regolarmente insonnia o problemi a dormire negli ultimi 12 mesi” al 6-10% degli adulti che soddisfano i criteri diagnostici stabiliti. Il disturbo dell’insonnia nella popolazione generale consiste in difficoltà a dormire e a mantenere il sonno. I precedenti criteri diagnostici per l’insonnia non specificavano un periodo di tempo minimo per le difficoltà di sonno; l’insonnia cronica è stata utilizzata per descrivere i casi che sono durati da settimane a mesi e l’insonnia è stata considerata cronica nel 40 – 70 percento dei casi. Quando è cronica, come con il disturbo dell’insonnia, la durata varia da 1 a 20 anni negli studi longitudinali. 

Le femmine hanno 1,4 volte più probabilità dei maschi di soffrire di insonnia. Gli anziani hanno anche una maggiore prevalenza di insonnia; l’invecchiamento è spesso accompagnato da cambiamenti nei modelli di sonno (sonno interrotto, veglia frequente, veglia precoce) che possono portare all’insonnia. Gli anziani in genere riferiscono difficoltà a mantenere il sonno. Molti casi di insonnia coesistono con altre condizioni (soprattutto diagnosi psichiatriche e disturbi del dolore); tuttavia, gli attuali criteri diagnostici suggeriscono che il disturbo dell’insonnia include problemi di sonno che non possono essere spiegati da un’altra condizione mentale o medica.

Valutazione, diagnosi e trattamento insonnia

La diagnosi e il trattamento dei disturbi del sonno richiedono una valutazione da parte di un professionista del sonno o di uno specialista in medicina del sonno. Le opzioni di trattamento possono includere terapie comportamentali, cambiamenti nello stile di vita, terapie farmacologiche o dispositivi medici, a seconda della natura e della gravità del disturbo del sonno. Un sonno regolare e di qualità è fondamentale per la salute fisica e mentale a lungo termine. 

Mentre l’insonnia è tipicamente transitoria, alcuni casi sono persistenti e possono durare per anni. Il “disturbo dell’insonnia” dovrebbe essere diagnosticato utilizzando i criteri diagnostici del Manuale diagnostico e statistico (DSM) dell’American Psychiatric Association e/o della classificazione internazionale dei disturbi del sonno (ICSD). Entrambi sono stati aggiornati di recente. La quinta edizione del DSM (DSM-5) è orientato verso i fornitori di assistenza primaria e di salute mentale generale. I criteri per il disturbo dell’insonnia richiedono che i sintomi del sonno causino disagio o menomazioni clinicamente significative nel funzionamento (sociale, occupazionale, educativo, accademico, comportamentale o altro) e si verifichino nonostante un’adeguata opportunità di dormire almeno 3 notti a settimana per almeno 3 mesi. La diagnosi richiede anche che i sintomi non siano principalmente legati ad altri disturbi del sonno o si verifichino esclusivamente nel corso di un altro disturbo sonno-veglia (narcolessia, disturbo del sonno correlato alla respirazione, disturbo del ritmo circadiano); non siano attribuibili agli effetti fisiologici di una sostanza; e non siano spiegati da disturbi mentali coesistenti o condizioni mediche. La disfunzione associata al disturbo dell’insonnia include affaticamento, scarsa funzione cognitiva, disturbi dell’umore e angoscia o interferenza con il funzionamento personale. 

Fino a poco tempo fa, i criteri diagnostici classificavano l’insonnia come primaria o comorbilità, a seconda dell’assenza o della presenza di altre condizioni. Tuttavia, il DSM-5 ora usa il termine “disturbo dell’insonnia” e ICSD-III usa il termine “insonnia”; entrambi eliminano la distinzione tra insonnia primaria e secondaria. La distinzione ha avuto una rilevanza discutibile nella pratica clinica e le revisioni riflettono questa comprensione suggerendo una diagnosi di disturbo da insonnia per i pazienti che soddisfano i criteri diagnostici, nonostante qualsiasi condizione coesiste, a meno che l’altra condizione non spieghi i problemi di sonno.

Il disturbo dell’insonnia è associato alla morbilità medica e psichiatrica, compresa l’ipertensione e la depressione. Il disturbo dell’insonnia è anche legato alla riduzione della produttività, della disabilità e dei costi dell’assistenza sanitaria, costi indiretti come perdita di produttività a causa dell’assenteismo e del presenteeismo (partecipare al lavoro mentre si è malati, affaticati), ridotta qualità della vita, incidenti e infortuni. Questi costi e conseguenze evidenziano l’importanza di trattare questa condizione. Le decisioni di trattamento trarrebbero grande beneficio da una migliore comprensione dell’efficacia e dell’efficacia comparativa dell’ampia varietà di trattamenti disponibili.

L’insonnia spesso non viene diagnosticata e può rimanere non trattata. Altra gente che soffre di disturbi di sonno tendono a cercare un trattamento quando i sintomi diventano fastidiosi (ad esempio, angoscia, affaticamento, diminuzione del funzionamento diurno, deterioramento cognitivo). Una volta che il disturbo dell’insonnia è stato diagnosticato con precisione, sono disponibili molti trattamenti, tra cui farmaci e integratori da banco, educazione all’igiene del sonno e ai cambiamenti dello stile di vita raccomandati, interventi comportamentali e psicologici, farmaci da prescrizione e trattamenti di medicina complementare e alternativa (CAM).

Le attuali linee guida sottolineano anche l’importanza di identificare e trattare le condizioni coesistenti. Varie opzioni di trattamento descritte nelle linee guida includono interventi psicologici e comportamentali, farmaci e approcci combinati. I parametri di pratica dell’American Academy of Sleep Medicine (AASM) affermano che gli interventi psicologici e comportamentali sono efficaci e raccomandati per l’insonnia cronica primaria e l’insonnia secondaria (criteri ICSD-II) negli adulti. Il sostegno all’uso a breve termine di interventi farmacologici si basava sul consenso. Tuttavia, è in corso una revisione aggiornata della sintesi delle prove e delle raccomandazioni su questi interventi. Anche gli interventi di cura combinati o a gradini sono utilizzati nel trattamento. La terapia combinata specifica la tempistica di alcuni componenti dell’intervento. Il modello di cura a gradini è stato descritto in termini di come potrebbero essere utilizzate terapie cognitive comportamentali limitate per l’insonnia (CBT-I). Questi approcci sono progettati per massimizzare i benefici del trattamento e ridurre al minimo i danni, assistendo al contempo l’erogazione efficiente dei servizi al livello appropriato per il paziente.

Gli interventi psicologici includono interventi multicomponente come CBT-I o breve terapia comportamentale (BBT) o trattamenti monocomponente come il solo controllo dello stimolo, il solo rilassamento progressivo o la sola restrizione del sonno.

Per quanto riguarda le apnee notturne i rimedi dispositivi come il Continuous Positive Airway Pressure (CPAP) possono essere utilizzati per mantenere le vie respiratorie aperte durante il sonno.

Gli obiettivi del trattamento dell’insonnia includono miglioramenti significativi nel sonno e nel disagio e/o disfunzione associati. Il trattamento dell’insonnia può influenzare diversi tipi di esiti. Idealmente, si verificano miglioramenti sia nel sonno che nel funzionamento diurno e si riduce il disagio associato ai problemi di sonno. Ci sono strumenti (questionari) che misurano simultaneamente i risultati globali. Gli esiti del sonno includono misurazioni di elementi specifici del sonno. Un sonno migliore dovrebbe migliorare gli elementi specifici del funzionamento diurno o il disagio associato ai problemi di sonno. Tra questi risultati ci sono il funzionamento, l’umore e la qualità della vita.

I risultati globali sono tipicamente misurati utilizzando questionari che contengono elementi che valutano il sonno e il funzionamento e il disagio durante il giorno. Sfortunatamente, molti questionari sull’esito del sonno attualmente disponibili sono stati sviluppati per identificare i dormienti poveri e non sono adeguatamente sensibili per rilevare effetti del trattamento clinicamente significativi. Due strumenti comunemente usati che misurano entrambi i costrutti includono il Pittsburgh Sleep Quality Index (PSQI) e l’Insomnia Severity Index (ISI).

Gli esiti del sonno più frequentemente riportati nella letteratura sul trattamento del disturbo dell’insonnia, includono la latenza di insorgenza del sonno, il numero di risvegli, il tempo di risveglio dopo l’inizio del sonno, il tempo totale di sonno e l’efficienza del sonno (tempo totale di sonno/tempo totale a letto). I miglioramenti in queste specifiche misure del sonno possono essere misurati oggettivamente o soggettivamente. I parametri del sonno sono misurati oggettivamente con la polisonnografia (misurazione dei parametri di continuità del sonno, il tempo di sonno trascorso in ogni fase) o l’attigrafia (misurazione dei movimenti del corpo). Nonostante le discrepanze tra le misure oggettive e soggettive dei parametri del sonno, le misure soggettive sono considerate più preziose perché sono considerate risultati centrati sul paziente. Anche la qualità del sonno, misurata soggettivamente in vari modi, è una misura importante.

Molti strumenti diversi che misurano la funzione, l’umore e i risultati della qualità della vita sono stati utilizzati nella ricerca sull’efficacia dell’insonnia e sull’efficacia comparativa. Tra questi ci sono l’indagine sulla salute SF-36; la scala del profilo di impatto della malattia; e la qualità della vita dell’Organizzazione mondiale della sanità (WHOQOL). 

Come prenotare una visita in provincia di Reggio Calabria?

Puoi prenotare una visita per valutare e definire un piano di trattamento adatto a te, presso il nostro centro medico Riabilia, a Taurianova, in Calabria. Presso il nostro centro medico potrai richiedere visite specialistiche presso diversi medici esperti nella propria branca di riferimento. 

Potrai facilmente prenotare visite con un neurologo.

Scopri sul nostro sito tutte le visite specialistiche che puoi prenotare nel centro Riabilia!

Alessandra Intorre

Alessandra Intorre

Fisioterapista laureata presso il Campus Biomedico di Roma nel 2021.
Studentessa del Master in Fisioterapia Muscolescheletrica e Reumatologica di Tor Vergata.